Home
 
Home
Prima Pagina
Calendario Eventi
Archivio Eventi
Articoli
Chi Siamo
Dove Siamo
Scuola di Magia
Artisti del Clam
 Giochi Spiegati
 Gallerie
Recensioni
Libreria del Clam
Quota Online
Accesso - Login
Il Tuo Profilo
Unisciti a noi
Soci Onorari
Consiglio
Sondaggi
Statuto
Mailing List
NEGOZIO
Contattaci
Link
Scollegati
Credits
Informativa GDPR
CookiesPolicy

Aggiungi ai Preferiti



Benvenuto
- Ospite -
In questo momento sono in linea 763 utenti

QUANDO L'INETTITUDINE VA IN TV

Quante volte abbiamo visto in TV un attore recitare come un cane, sbagliare battute, storpiare parole? Poche volte, anzi quasi mai. Quante volte abbiamo visto un direttore d’orchestra sbagliare nel dirigere l’orchestra, o un pianista classico presentare un concerto facendo errori madornali? Direi mai.
Ma quante volte abbiamo visto un mago presentarsi in TV e fare una figuraccia? Purtroppo Troppe volte! Anno dopo anno abbiamo innumerevoli esempi di inettitudine artistica presentata in TV. Personaggi che non sanno nemmeno parlare un italiano corretto, fanno accapponare la pelle con delle uscite come queste: “se io avrei” (!!!), “lei signora metta i suoi diti” (!!!), e molto altro ancora.
Gira da qualche tempo sul Web un filmato di un mago del quale non vale nemmeno la pena dire il nome, che presentatosi in un programma TV ha eseguito una performance (se così si può definire) talmente mediocre e brutta che il video è diventato virale nel web. Vestito con un insignificante maglioncino sembrava pronto per un barbecue o una partita a bocce, ma in TV si è presentato come “psico-mago”. Quando questo soggetto parlava Dante Alighieri si rigirava nella tomba, e dopo un concerto di strafalcioni e una presentazione incomprensibile e caotica, ha pure sbagliato clamorosamente l’effetto suscitando anche la compassione e l'ironia della presentatrice che si era offerta di fare da spettatrice e dando una immagine della magia e dei maghi davvero penosa.
Purtroppo il timore è che questi personaggi diventino delle star al negativo, un po’ come accadde con Casanova anni fa, quando la magia sembrava un intrattenimento per sottosviluppati mentali.
Ricostruire la credibilità dell’arte magica non è cosa facile, dopo Casanova ci sono voluti anni per ridare un po’ di dignità alla nostra arte. Questi individui andrebbero disincentivati dal presentarsi in pubblico, se sono soci di club magici, questi dovrebbero intervenire severamente per rieducare questi incapaci.



Autore: Arduino
08/02/2020

Condividi su Facebook  

 

Non ci sono commenti per questo articolo


Commenta questo articolo
Commento:
Scrivi il tuo commento nel riquadro e premi il bottone "INVIA"

I commenti con contenuti offensivi o indecenti saranno cancellati dall'amministratore
 

 

[ Torna agli Articoli ]


 

Club Arte Magica - Milano - Via Genova Giovanni Thaon di Revel, 21
[ Contatti ]

 

Il sito del Clam è stato realizzato in collaborazione
con Magiclandia