Home
 
Home
Prima Pagina
Calendario Eventi
Archivio Eventi
Articoli
Chi Siamo
Dove Siamo
Scuola di Magia
Artisti del Clam
Job Posting
 Giochi Spiegati
 Gallerie
Recensioni
Libreria del Clam
Accesso - Login
Il Tuo Profilo
Unisciti a noi
Soci Onorari
Consiglio
Sondaggi
Statuto
Mailing List
NEGOZIO
Contattaci
Link
Scollegati
Credits
Informativa GDPR
CookiesPolicy

Aggiungi ai Preferiti



Benvenuto
- Ospite -
In questo momento sono in linea 165 utenti

PIÙ FACCIO PIÙ SONO BRAVO…

Una regola che molti prestigiatori non rispettano è il non eccedere con la durata della propria performance.
Per alcuni maghi esiste l'errata convinzione che più cose si presentano in pubblico migliore sarà il risultato, così a volte assistiamo a numeri interminabili e performance che sembrano non abbiano fine.
Nella natura di chi ha scelto questo mestiere o questo hobby esiste sicuramente una componente di "protagonismo", si vuole in qualche modo essere il "centro dell'attenzione". Non c'è nulla di male in questo, anzi, un prestigiatore che non senta il bisogno di essere "protagonista" non sarebbe un buon prestigiatore o, quanto meno, non troverebbe il coraggio di confrontarsi con il pubblico.
Quando però la "gigioneria" e la voglia di "protagonismo" del mago superano il "buon senso" ecco che accadono cose spiacevoli: Gli spettatori che fino a qualche minuto prima erano incantati dagli effetti dell'artista sono, dopo l'ennesimo gioco, stanchi, annoiati e l'entusiasmo si è trasformato in stress e noia.
Lo stesso accade per la scena, quando un numero non finisce mai, l'attenzione del pubblico è per sua natura di breve durata, oltre una certa durata dello spettacolo, lo spettatore non riesce a mantenere alto il suo interesse e la sua concentrazione. Dopo tutto, il pubblico è li per divertirsi, non per stressarsi.
Tutto questo lo sanno molto bene anche gli organizzatori del FISM, il massimo appuntamento mondiale della magia, una sorta di campionato mondiale per i maghi. Il punto focale del congresso FISM è il concorso e, guarda caso, una delle regole inderogabili per chi presenta il proprio numero è "non sforare", il termine massimo di durata è fissato in 10 minuti. Noi condividiamo questa scelta, perché dopo questo lasso di tempo l'attenzione del pubblico inizia sicuramente a calare, ed anche il numero più bello, per gli spettatori, diventa banale e noioso .
Quindi, non pensiate che la "quantità" possa sostituire o compensare la "qualità". Meglio presentare tre minuti di intenso spettacolo qualitativamente valido, piuttosto che una accozzaglia di innumerevoli effetti per decine di minuti.
Ricordate che è il pubblico che deve divertirsi e non solo voi.




Autore: Club Arte Magica
20/08/2011

Condividi su Facebook  

 

Commenti a questo articolo


Data: 09/09/2011
Autore: 499_piet
Commento:
Grazie !!! Magico Jason
Commenta questo articolo
Commento:
Scrivi il tuo commento nel riquadro e premi il bottone "INVIA"

I commenti con contenuti offensivi o indecenti saranno cancellati dall'amministratore
 

 

[ Torna agli Articoli ]


 

Club Arte Magica - Milano - Via Genova Giovanni Thaon di Revel, 21
[ Contatti ]

 

Il sito del Clam è stato realizzato in collaborazione
con Magiclandia