Home
 
Home
Prima Pagina
Calendario Eventi
Archivio Eventi
Articoli
Chi Siamo
Dove Siamo
Scuola di Magia
Artisti del Clam
 Giochi Spiegati
 Gallerie
Recensioni
Libreria del Clam
Quota Online
Accesso - Login
Il Tuo Profilo
Unisciti a noi
Soci Onorari
Consiglio
Sondaggi
Statuto
Mailing List
NEGOZIO
Contattaci
Link
Scollegati
Credits
Informativa GDPR
CookiesPolicy

Aggiungi ai Preferiti



Benvenuto
- Ospite -
In questo momento sono in linea 431 utenti

GLI “YOUTUBERS” FUNZIONANO IN TV?

A quanto pare non molto, visti gli ascolti della trasmissione “Voglio essere un mago”. Non è certo a Silvan o a Raul Cremona che può essere imputato lo scarso successo della trasmissione, anzi, forse i loro personaggi hanno salvato il salvabile. Oggi ci sono due modi ben diversi di fare magia, quello classico, dove il prestigiatore intrattiene il pubblico dal vivo, interagisce con esso e recita la parte del mago, e un altro che vede il mago agire di fronte a una telecamera con un pubblico che lo vede attraverso uno schermo di un social, con tutti i limiti che questo comporta.
Sebbene anche in TV vi sia una telecamera e il pubblico vede ciò che accade attraverso uno schermo, gli artisti che abitualmente lavorano in TV recitano quasi sempre una parte, un ruolo preciso e quindi le modalità con cui operano sono molto simili a quando si confrontano con un pubblico reale.
Per “bucare lo schermo” come si dice in gergo televisivo, non basta dare sfoggio della propria abilità manuale o spiegare qualche effetto, bisogna anche saper recitare il proprio ruolo, dare vita al proprio personaggio. Questi aspetti sono puntualmente trascurati o addirittura ignorati da molti youtubers di magia.
E allora, può avere successo una trasmissione televisiva che mischia degli elementi così diversi?
Stando ai fatti, la risposta è no.
Come dice la giornalista Alessandra Comazzi in un suo articolo sulla stampa: “La magia è fondamentale nel mondo dello spettacolo, affascinante e misteriosa, poco praticata in tv, troppo seria e professionale”. Per portarla in TV non bastano degli youtubers di successo, non funziona, e nemmeno da buoni risultati portare la magia in mezzo a quelle faide tipiche di certa “trash TV”. La magia c’entra ben poco con tutto questo, citando ancora le parole di Alessandra Comazzi: “La magia, che è cosa molto elegante e austera” come tale deve essere trattata.

Arduino Puglielli 04/10/2021



Autore: Club Arte Magica
04/10/2021

Condividi su Facebook  

 

Non ci sono commenti per questo articolo


Commenta questo articolo
Commento:
Scrivi il tuo commento nel riquadro e premi il bottone "INVIA"

I commenti con contenuti offensivi o indecenti saranno cancellati dall'amministratore
 

 

[ Torna agli Articoli ]


 

Club Arte Magica - Milano - Via Genova Giovanni Thaon di Revel, 21
[ Contatti ]

 

Il sito del Clam è stato realizzato in collaborazione
con Magiclandia