Home
 
Home
Prima Pagina
Calendario Eventi
Archivio Eventi
Articoli
Chi Siamo
Dove Siamo
Scuola di Magia
Artisti del Clam
Job Posting
 Giochi Spiegati
 Gallerie
Recensioni
Libreria del Clam
Accesso - Login
Il Tuo Profilo
Unisciti a noi
Soci Onorari
Consiglio
Sondaggi
Statuto
Mailing List
NEGOZIO
Contattaci
Link
Scollegati
Credits
Informativa GDPR
CookiesPolicy

Aggiungi ai Preferiti



Benvenuto
- Ospite -
In questo momento sono in linea 189 utenti

HENRI DECREMPS DA AMARE O DA ODIARE?

Nel nostro precedente articolo abbiamo parlato di Pinetti, citare Decremps è quindi doveroso, e di seguito ne spieghiamo le ragioni.
Se fossimo nei panni di Joseph Pinetti, affermeremmo sicuramente che Decremps è un personaggio da odiare, ma è proprio così?
Figlio di Jean Decremps e di Marie Taillade, dopo gli studi di diritto e matematica, iniziò la carriera diplomatica presso l'ambasciata di Francia in Inghilterra.
Successivamente egli si dedicò allo smascheramento dei "maghi" e dei ciarlatani che truffavano o ingannavano le persone per profitto.
La sua opera più famosa fu La Magie Blanche Dévoilée (La magia bianca svelata o spiegazione dei sorprendenti giochi di prestigio ammirati da qualche tempo nella Capitale e nella provincia) pubblicato in due edizioni nel 1783 e nel 1784). Questa opera, di grande successo per l'epoca, suscitò aspre polemiche poiché, oltre a rivelare diversi trucchi, descriveva in dettaglio tutti i giochi di prestigio del celebre illusionista dell'epoca Pinetti, principale bersaglio delle sue critiche.
Con la pubblicazione del Supplemento alla magia bianca svelata nel 1785, Decremps continuò ad attaccare Pinetti, svelando ulteriori trucchi e rispondendo alle illazioni dell'avversario che perseguitò fino a fargli lasciare l'Europa.
Quindi, se ci immedesimassimo nel povero Pinetti, Decremps sarebbe senz’altro un personaggio da odiare, ma Raul Cremona non la pensa proprio così, infatti, nel suo libro: LA MAGIA BIANCA RI...SVELATA, il cui sottotitolo è: “RISTAMPA ANASTATICA COMMENTATA - DE "LA MAGIA BIANCA" DI HENRI DECREMPS”, dichiara che gli scritti di Decremps rappresentano un'importante testimonianza storica, Decremps ha descritto e spiegato il repertorio del più grande illusionista di tutto il settecento, ossia Joseph Pinetti, se non ci fossero state le sue pubblicazioni, forse non avremmo mai potuto conoscere il repertorio di Pinetti e tanto meno avremmo mai saputo nulla delle tecniche da lui utilizzate, come il mazzo preordinato, la forzatura psicologica, gli attrezzi truccati, l'uso di compari... e molto altro ancora.
Insomma, Decremps attraverso i suoi scritti, che al tempo diedero non pochi grattacapi a Pinetti, ci ha lasciato una testimonianza che per un paradosso rende oggi la sua vittima ancor più grande e affascinante, hanno inoltre dato un fenomenale contributo proprio alla categoria di artisti che Decremps male sopportava.


Arduino Puglielli
Fonti:
wikipedia.org
LA MAGIA BIANCA RI...SVELATA – di Raul Cremona - Florence Art Edizioni




Autore: Club Arte Magica
16/10/2013

Condividi su Facebook  

 

Non ci sono commenti per questo articolo


Commenta questo articolo
Commento:
Scrivi il tuo commento nel riquadro e premi il bottone "INVIA"

I commenti con contenuti offensivi o indecenti saranno cancellati dall'amministratore
 

 

[ Torna agli Articoli ]


 

Club Arte Magica - Milano - Via Genova Giovanni Thaon di Revel, 21
[ Contatti ]

 

Il sito del Clam è stato realizzato in collaborazione
con Magiclandia